Le migliori escursioni in Francia

La Francia conta oltre sessantamila chilometri di sentieri segnalati per le escursioni. Tra GR (sentieri escursionisti a lunga percorrenza detti “Grande Randonnée”) e percorsi più corti, ecco alcune idee per partire in coppia o con amici alla scoperta delle lo

  • Grégory Vieau

    Autore

    Journaliste

  • Aggiornato il

    11/09/2019

  • Destinazione

    Mehun-sur-Yèvre

Per sfruttare appieno i sentieri escursionistici presta attenzione al loro livello di difficoltà. La maggior parte richiede diversi giorni di marcia, il che significa che sarà necessario trovare in anticipo un alloggio o un campeggio. Informati presso gli uffici turistici locali! E non dimenticare di indossare buone scarpe da trekking e prendere con te una mappa, una bussola e abbastanza acqua e cibo.

Le migliori escursioni in Francia

 

© iStock - StefaNikolic

La valle del Bièvre a 15 km da Parigi

Soluzione perfetta per tutti i parigini in astinenza da natura! Dalla stazione di Parigi Austerlitz (dove nasce il fiume Bièvre), scendi fino al giardino della Petite Ceinture del 13° arrondissement e poi dirigiti verso Arcueil Cachan per seguire il fiume fino al suo sbocco a Saint-Quentin-en-Yvelines. La cosa migliore? I rumori della città svaniscono raggiungendo la fitta foresta demaniale di Verrières.

© Istock - pixelfit

Distanza: 46 chilometri. Due giorni di marcia o più.

Difficoltà: Facile

La Grande traversata del Vercors (sul GR®91)

Più che di un'escursione, si tratta di un viaggio iniziatico. Partenza da Corrençon-en-Vercors per raggiungere Châtillon-en-Diois nel dipartimento della Drôme e attraversare una delle più grandi riserve naturali francesi. Lì, parti alla scoperta degli altopiani e prendi fiato, perché i panorami alpini ti toglieranno il respiro (soprattutto dalle cime del Molière, tra Autrans e Lans-en-Vercors)!

© iStock - SanderStock

Distanza: 60 chilometri.

Difficoltà: Media. Tre giorni di marcia o più.

Partenza da Villard-de-Lans/Corrençon con un pullman SNCF dalla stazione di Grenoble.

Il sentiero dei Doganieri (GR®223)

Percorri tutto il litorale del dipartimento della Manica: da Carentan, nella Baie des Veys, al Mont-Saint-Michel. Ti aspettano villaggi dalle case in pietra, sentieri tra i boschetti, il mare e, naturalmente, il Mont-Saint-Michel che non ha bisogno di presentazioni. Meno conosciuto ma altrettanto imperdibile: il promontorio del Nez de Jobourg, famoso per le sue scogliere alte 128 metri a strapiombo sul mare turchese.

Mont-Saint-Michel - © bluejayphoto

Distanza: 446 chilometri.

Difficoltà: Facile. Prevedere tre giorni di marcia o più.

Partenza da Carentan dalla stazione di Parigi Saint-Lazare con il treno Intercité o dalla stazione di Caen con il treno TER.

Sul Cammino di Santiago di Compostela per il GR®65

Una parte del GR®65, tra Figeac e Moissac, verso Santiago di Compostela, merita davvero una deviazione. In primo luogo perché attraversa il parco naturale regionale dei Causses del Quercy, ma anche in quanto attraversa magnifici borghi medievali. Da non perdere il mercato del mercoledì mattina a Cahors! Formaggio di capra, vino e tartufi locali sono buoni da morire.

© iStock - lucentius

Distanza: 160 chilometri.

Difficoltà: Media. Prevedere nove giorni di marcia o più.

Partenza da Figeac dalla stazione ferroviaria di Tolosa con il treno TER.

Giro della foresta di Brocéliande

Se anche tu sei cresciuto con le storie di Re Artù, Mago Merlino e la dama del Lago, oppure sei un appassionato della serie TV francese Kaamelot, allora devi assolutamente visitare la foresta di Brocéliande! Questo percorso circolare con partenza da Paimpont sposa, in modo davvero originale, mito e realtà. Vi si trova la fontana dell’eterna giovinezza, proprio accanto alla cava della Marette, l'albero d'oro e la tomba di Mago Merlino. Davvero magico!

© Istock - Fabioderby

Distanza: 142 chilometri.

Difficoltà: Facile. Prevedere otto giorni di marcia o più.

Partenza da Paimpont, in autobus, dalla stazione degli autobus di Rennes (linea 1A).

Da Marsiglia a Cassis passando per il GR®38

Un grande classico dell'escursionismo, così come la famosa bouillabaisse marsigliese, la tipica zuppa di pesce provenzale, che si gusta solo al Porto vecchio. Si parte all’inizio del massiccio dei Calanchi fino a Cassis, ai piedi delle scogliere Soubeyrannes, lungo il Mediterraneo. Un’opportunità, per chi non conosce bene la regione, per visitare i calanchi di Marseilleveyre o gli antichi villaggi di pescatori, come Morgiou. Attenzione: i dislivelli sono molto impegnativi.

Randonnée dans les calanques de Marseille - © Istock - Janoka82

Distanza: 30 chilometri.

Difficoltà: Difficile. Prevedere due giorni di marcia.

Il percorso di Hirschstein

Dal parcheggio del Col de la Schlucht, raggiungi il lussureggiante Lac Vert, nel cuore della foresta dei Vosgi. È un percorso particolarmente accidentato e difficile, che comprende passaggi scavati nella roccia e pendii vertiginosi. Quindi, davvero, fai molta attenzione! La ricompensa segreta è il belvedere di Hirschstein, accessibile in cima al passo, che offre una vista mozzafiato sull’ombrosa foresta.

© iStock - nattrass

Distanza: 7 chilometri.

Difficoltà: Difficile. Prevedere una giornata di marcia.

Accesso solo in auto.

Il cammino di Stevenson (GR®70)

Per la cronaca, questa escursione prende il nome dal viaggio dello scrittore scozzese Robert Louis Stevenson, autore de L’isola del tesoro, da Le Puy-en-Velay, in Alvernia, ad Alès, nel dipartimento del Gard. Su questo lungo percorso, i grandi spazi aperti si susseguono senza assomigliarsi: dai vulcani dell'Alvernia al parco naturale delle Cevenne.
Il momento ideale per andarci? Da maggio a giugno il suolo è disseminato di magnifici fiori!

Randonneurs, Parc National des volcans, Auvergne - © Luc Olivier - Photononstop

Distanza: 274 chilometri.

Difficoltà: Media. Prevedere 15 giorni di marcia o più.

Partenza da Le Puy-en-Velay da Clermont-Ferrand e Saint-Etienne in pullman SNCF.

Il circuito della Bastide

Le bastidi sono delle cittadine occitane fondate nel XIII e XIV secolo. Un circuito facilmente accessibile a piedi consente di visitare le tre più importanti della regione del Périgord, partendo da Sarlat. Dopo aver attraversato Molières, Beaumont e Monpazier, fai una sosta a Villefranche-du-Périgord. Per ammirarne la magnifica architettura, ma anche per pranzare al ristorante La Bastide, un must della zona!

© istock_jacoblund

Distanza: 120 chilometri.

Difficoltà: Facile. Prevedere otto giorni di marcia o più.

Partenza da Sarlat dalla stazione di Bordeaux-Saint-Jean con il treno TER.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Potrebbero interessarti anche