Weekend a Deauville – Trouville

L’evasione a due ore da Parigi.
Mete preferite dei parigini Deauville, la stazione balneare chic e Trouville, rimasta un autentico porto di pescatori, formano un’accoppiata d’eccezione ideale per un week-end all’insegna dell’evasione a 2 ore da Parigi...

  • La Rédaction OUI.sncf

    Autore

    OUI.sncf

  • Aggiornato il

    17/04/2019

  • Destinazione

    Deauville

Deauville, fuga chic in Normandia

Deauville è nota per le sue celebri istituzioni: ippodromo, casino, golf, vendite all’asta… Ma la città offre anche appuntamenti insoliti, come la visita all’interno di alcune città, incontri con i grandi chef, una serata in balera sul Pont des Belges che collega Deauville a Trouville…

Deauville è anche, indubbiamente, la sua incantevole spiaggia immortalata dal film di Claude Lelouch, Un uomo e una donna, famosa per le sue cabine dedicate alle star del cinema americano, in onore del festival del cinema americano, i suoi ombrelloni a righe e la Promenade des Planches.

Questa passeggiata in legno che corre lungo la spiaggia è il luogo d’incontro di tutti quelli che, anche in riva al mare, restano in “tenuta da città” e osservano, con la bassa marea, le onde o i pescatori di gamberetti. La passeggiata conduce inoltre alla “brasserie” Le soleil, luogo ideale per assaporare piatti di crostacei in terrazza con vista sul mare.

Per ristorarti, non hai che l’imbarazzo della scelta: dalle ottime gallette e crêpes del mini golf alla cucina fusion asiatica-francese del ristorante gastronomico L’Essentiel (29 rue Mirabeau).

Per il pasto, molti locali sono situati in direzione Trouville sul sentiero che collega i due centri città raggiungibili comodamente a piedi.

© iStock - Veni

Week-end in Normandia: il Pays d’Auge

L’accoppiata Deauville-Trouville offre una gamma molto ricca di attività all’aria aperta: equitazione, golf, sport nautici, tennis, piscina e noleggio di “trouvillaise”, una sorta di bicicletta familiare.

Lascia i bagagli e lanciati sui sentieri pedonali sia in direzione di Saint-Arnoult per ammirare gli splendidi panorami a strapiombo sulla costa, sia sulle alture di Trouville attraverso prati e fattorie.

Se hai un po’ più di tempo, la regione del Calvados lato terra, combina magnifici paesaggi solcati da valli. A una trentina di chilometri in direzione Lisieux, un’incantevole “strada del sidro” del vigneto Cambremer ti permette di attraversare bei campi di meli, visitare le cave, ma andare anche alla scoperta delle più belle stazioni di monta equina.

Il Calvados verso il mare, rivela altre tappe incantevoli come il piccolo porto di Honfleur o la stazione balneare di Cabourg.

Durante la pianificazione del tuo itinerario, ricorda queste parole normanne: “in riva al mare, il brutto tempo non è cupo, è stimolante!”

© iStock - earleliason

Visitare Trouville-sur-Mer

Trouville trabocca di ottimi indirizzi di grido, tutti raccolti lungo gli argini e la rue des Bains.

Per il brunch, opta per Chez Dupont. Per le moules-frites (cozze e patatine fritte) e altri piatti tipici da brasserie, niente di meglio che Les Vapeurs, Les Voiles, Le Central o la terrazza direttamente sulla spiaggia del Galatée.

All’ora del tè, scopri alla sala Charlotte Corday i pasticcini famosi per il loro sapore e il loro nome (il dolce “Zero Calorie”, Antoine de Caunes…) e per pranzo, puoi scegliere tra l’atmosfera ultra modaiola dei 4 chats o la cornice più intima di Topolina decorata con mobili antichi scovati dagli antiquari e grandi bouquet di fiori.

Se Deauville ospita un’incantevole marina, Trouville conserva la sua attività di porto di pesca. Puoi spiare il viavai dei pescherecci a strascico annunciato dagli ammassi di gabbiani e acquistare sugli argini, dalle mogli dei pescatori, i prodotti dell’ultima pescata (sogliole, maccarelli, branzini selvaggi, capesante...).

I suoi mercati sono particolarmente animati: il mercato del pesce è aperto giorno per giorno per fare il pieno di granciporri, ragni di mare e zuppa di pesce (da Pillet) mentre il grande mercato normanno si tiene il mercoledì e la domenica.

La spiaggia di Trouville è più piccola ma possiede ugualmente la sua passeggiata in legno (“planche”) punteggiata dai manifesti di Raymond Savignac e circondata da eleganti ville, tra cui la villa des Roches noires, antico palazzo trasformato in residenza che ospitava Marcel Proust e Marguerite Duras.

© iStock - RossHelen

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Potrebbero interessarti anche